Stay up to date

CAPTCHA
This question is for testing whether you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.
BOOK NOW
Arrival Nights Rooms Adults
Children
1-12  
Special code
 
 

READ HOTEL REVIEWS

Il Grand Hotel d’Italie Baglioni e gli umori della Bologna di cento anni fa

GIANCARLO ROVERSI

Prima di ripercorrere lo straordinario cammino della secolare attività del Grand Hotel Majestic «già Baglioni» nella sua nobile sede di via Indipendenza è opportuno, per completezza del quadro storiografico, fare un passo indietro per andare a ritrovare le radici della sua primitiva presenza sotto le Due Torri. La sua storia, ma forse è il caso di dire la sua preistoria, prende infatti l’avvio nel cuore di Bologna nel 1891 in via Ugo Bassi all’angolo con via Oleari nell’antico Palazzo della Gabella (oggi sede della Banca di Roma), costruito nel 1574-1577 su disegno di Domenico Tibaldi. Fra le sue mura, era attivo già attorno alla metà dell’Ottocento l’Albergo Italia gestito da due noti operatori alberghieri bolognesi, Ambrosoli e Nicola. Proprietario dell’edificio era il conte Mario Venturoli Mattei.

L’hotel, il 4 dicembre 1876, aveva tra l’altro ospitato il grande banchetto in onore di Richard Wagner e della moglie Cosima in occasione del conferimento della cittadinanza onoraria di Bologna al grande compositore tedesco. Erano presenti quaranta commensali selezionatissimi, reduci dalla rappresentazione del Rienzi al Teatro Comunale. Nel cortile dell’albergo il maestro Antonelli, direttore della Banda comunale, eseguì per l’occasione sinfonie del Lohengrin, del Tanhauser e del Rienzi, ricevendo il plauso caloroso dello stesso Wagner.

Nelle sue sale, riferisce una vecchia guida, «hanno sostato ministri e deputati, uomini illustri e nobili famiglie estere e si sono svolti banchetti politici di alta importanza». Nel 1889, come si ricava da un vecchio conto, era condotto unicamente da Giuseppe Nicola che, tre anni più tardi, il 30 aprile 1892 lo cedette a Guido Baglioni, definito in una pubblicazione coeva «un serio e attivo industriale torinese che vi ha portato tutte le riforme richieste dalle moderne esigenze». Si tratta di un passaggio cruciale perchè segna l’approdo a Bologna di un esponente della grande famiglia hotelliera dei Baglioni, ossia di Guido Baglioni, ma soprattutto fa scaturire la scintilla che, di lì a una ventina d’anni, farà brillare di vivida luce una nuova stella di prima grandezza nel firmamento dell’ospitalità bolognese: il Grand Hotel Baglioni, divenuto poi Grand Hotel Majestic «già Baglioni».

Ma ritorniamo un attimo sui primi anni di vita del suo «incubatore», il Grand Hotel d’Italie in via Ugo Bassi, che stava mietendo forti apprezzamenti da parte della clientela italiana e straniera grazie all’abile guida della famiglia Baglioni.

Una bella locandina pubblicitaria in francese della fine dell’Ottocento, ravvivata da una veduta del magnifico cortile rinascimentale dell’antico Palazzo della Gabella (poi coperto nei primi anni del XX secolo e trasformato in salone per ricevimenti) ci illustra i comfort di cui l’albergo era dotato: ascensore idraulico, riscaldamento a caloriferi, piccole e grandi suite, bagni e docce, salone di lettura e fumoir, ristorante per colazioni e pranzi serviti allo stesso prezzo della table d’hôte.
Questi miglioramenti giustificano appieno il mutamento della sua denominazione, che era divenuta subito più altisonante e consona alle ambizioni del suo timoniere Guido Baglioni: Grand Hotel d’Italie-Baglioni. Lo stesso Guido, di lì a pochi anni, assunse anche la gestione di un albergo ai Bagni della Porretta in amena posizione lungo il fiume Reno.

Una fotografia nitida della realtà hotelliera bolognese all’alba del XX secolo viene scattata nella sesta edizione in francese del famoso Manuel du voyageur curato ed edito da Karl Baedeker a Lipsia (1904). Di ogni hotel cittadino viene fornito un telegrafico e sintetico giudizio: un apprezzamento tanto più interessante in quanto proviene da quella che veniva considerata allora la più autorevole guida turistica a livello europeo. Ecco il giudizio sull’albergo condotto da Guido Baglioni: Hotel d’Italie (gestione Baglioni), nel palazzo Mattei, via Ugo Bassi 1, «de premier ordre avec ascenseur et caloriféres». Costo a camera: 3,50 franchi; tre alternative per i pasti: franchi 1,50, 3,50, 4,50; costo omnibus per la stazione un franco.

Albergatore fra i più stimati d’Italia e di temperamento intraprendente e lungimirante, Guido Baglioni, dopo due decenni di permanenza in via Ugo Bassi, indirizzò i suoi sguardi sull’antico artistico palazzo già del Seminario Arcivescovile in via Indipendenza, il nuovo veloce rettifilo diretto alla stazione ferroviaria, terminato nel 1890. Dopo avere coronato il suo sogno ne fece, grazie al suo ricco knowhow, un nuovo sfarzoso albergo enfatizzando il nome della propria famiglia: l’Hotel Baglioni. Bologna si arricchiva così di una nuova ragguardevole struttura alberghiera destinata a lasciare un’impronta incisiva nella storia dell’hotelleria bolognese e della stessa città. Da questo momento le vicende dei due alberghi Baglioni si divaricano. Infatti il Gran Hotel d’Italie passò nel 1912 in gestione a Salvatore Cevenini che conduceva anche il vicino noto Albergo del Pellegrino. Albergatore nato, dopo aver viaggiato in lungo e in largo per l’Europa e vissuto a Londra e Parigi, il Cevenini venne così a trovarsi al timone del titolato hotel petroniano. Parlava brillantemente quattro lingue «con un accento che tutti i forestieri gli riconoscono invidiabile». Suo maggior merito fu quello di avere introdotto a Bologna i miglioramenti imposti dalle moderne esigenze all’industria alberghiera, facendo tesoro dell’esperienza acquisita nei grandi alberghi delle capitali europee.

Invece il Grand Hotel Baglioni nella sua nuova sede di via dell’Indipendenza, già divenuta la passeggiata elegante della città sotto i suoi portici, si apprestava a diventare l’albergo simbolo di Bologna, il più ricercato ed elogiato dai personaggi di riguardo in sosta o di passaggio per la città.

 

Events

Tour in Hotel and Sunday Brunch
  Choose the Sunday Brunch at the Grand Hotel Majestic nd get a special guided tour to discover...
Easter and Easter Monday at I Carracci
  Easter and Easter Monday at I Carracci Restaurant     THE MENU...
Easter and Easter Monday Brunch
    Easter and Easter Monday Brunch   Enjoy and taste the exclusive cuisine proposals by the...

Exclusive Proposals

Ferrari Test Drive
Overnight staying in the historical Bologna wishing to treat yourself with two days of luxury and elegance by Grand Hotel...
Offert Grand Hotel Majestic: Lamborghini: visit the factory and museum
Lamborghini
Six hours chauffeured trip to visit the Lamborghini’s Museum and at the private Lamborghini Factory
Gourmet Experience
The myth of Bologna.. city of taste!   A short break package giving an irresistible combination of city escape...
Culture Gourmet Bologna Hotel offer Italy
Gourmet and Culture
Have an unforgettable stay at the Grand Hotel Majestic “già Baglioni”. Combined with and exciting Gourmet...
Ferrari Experience “Factory, Gallery & Super Car” Maranello Italy
Ferrari "Gallery & Super Car"
Leaving for Maranello with an expert driver, driving your daily Ferrari California, living Ferrari’s legend through...
Masterclass Carpigiani
Gelatology with Carpigiani
Choose the experience that entices you the most and take a dive into the world of artisan gelato. Let yourself be...
The land of motors Italy Bologna Offer hotel
The land of motors, art and gourmet food
Have an unforgettable Gourmet & Motor Experience in Bologna. A short break package giving an irresistible combination of...
Special Easter in Bologna
Grand Hotel Majestic invites you to live special Easter days with gastronomy and art in Bologna.  
In Bologna with Kahlo’s exhibition
Experience the charming and cultural atmosphere in Bologna during the winter.   A perfect season to explore...
Bologna City of Food: italian food and emilian tradition
City of Food
The University of the cuisine, generous and friendly city: Bologna is this for the Italian and international gastronomic...

Focus ON

Ducati dal Museo alla Fabbrica
  Ducati Museum and Factory   Ducati lovers, we want you! If you don’t miss a competition on...
Arthur Von wiesenberger
  The Arthur Von Wiesenberger's video during his recent visit to Bologna and at the Grand Hotel Majestic "...
A day in Bologna
Commissioned by Bologna Welcome  Produced by Mission Media - Video by Wildlab Multimedia 
Constant renewal
    Another work of renewal at the Grand Hotel Majestic: the statuary marble with black Marquina inserts,...
Light Lunch at Cafe' Marinetti
  The Menu includes: Black wild rice, a la plancha red prawns and fresh oranges   Toasted wheat...
New York Times Bologna Grand Hotel Majestic
New York Times: 36 Hours in Bologna, Italy
Bologna is a culinary traveler’s delight, but there is plenty worth checking out in the culture and nightlife arenas...
Condé Nast Johansens 2018
CONDÉ NAST JOHANSENS AWARDS 2018   The Staff of the Grand Hotel Majestic “già Baglioni...
Lamborghini Museum and Factory
    Lamborghini Museum and Factory   From the new-look Lamborghini Museum to the prestigious...
Duetorrihotels vince The World Luxury Awards 2015
Duetorrihotels wins The World Luxury Awards
Extreme attention to the wishes and desires of each client and a strong international vocation. These are the main assets...
Excellence Certificate 2015
  TripAdvisor is glad to assign the Excellence Certificate 2015 to Grand Hotel Majestic “già...